Monopoli

Monopoli

Il nostro voto:

La città delle 100 contrade

Tra la ricca vegetazione della macchia mediterranea, dove la creatività della natura è esaltata dall’unicità dei tronchi degli ulivi secolari e la terra rossa si trasforma in tappeto dei mandorli in fiore, si affaccia nel blu del Mare Adriatico la città di Monopoli a 9 metri s.l.m.

Ai colori delle campagne si frappongono le bianche e luminose pietre di masserie fortificate, castelli dalla pianta quadrangolare, che si fondono nel paesaggio rurale ricordando i tempi in cui avvistamento e difesa erano necessari a respingere le invasioni provenienti dal mare.

Su un piccolo promontorio l’affascinante Castello fortificato sorveglia il mare mentre sulle alte mura messapiche le cannoniere difendevano il borgo antico, in cui chiese e strutture architettoniche medioevali si miscelano al fascino di elementi bizantini.

Lungo il litorale sud, la costa abbraccia numerose calette solitarie dalle acque cristalline e ospita ampie distese di sabbia dorata che, risalendo verso nord, si trasformano in emozionanti scogliere che si tuffano in acque più profonde.

Monopoli è una città florida nella storia e nelle tradizioni, in ogni suo angolo nasconde tutto il fascino di epoche antiche che parlano della terra e del mare. Con i siti archeologici dall’età preistorica a quella medioevale, le cripte e le chiesi rupestri, le lame e le scogliere ogni contrada diventa scrigno in cui sono racchiuse preziose perle paesaggistiche e culturali.

Storia

Affacciata sul mare Adriatico, la città di Monopoli ha una antica e lunga storia scritta dai diversi popoli che nei millenni la conquistarono, arrivando dalla terra e dal mare, e che l’hanno resa un’opera musiva (mosaico) in cui si mescolano diverse culture.

L’esistenza della città rimanda le sue prime tracce all’epoca del paleolitico, nel XVI secolo a.C., quando vicino al mare ebbe origine il primo piccolo villaggio fortificato ancora custodito nel cuore di quella che oggi è la città vecchia con i numerosi reperti archeologici.

All’antico villaggio si sovrapposero le poderose mura messapiche e il porto fortificato. Fu il mare, probabilmente, a donare identità alla città: i Cretesi approdati sulle coste la denominarono Minos Polis in onore al Re Minosse.

Nell’agro di Monopoli le antiche rovine della città di Egnathia, come un tuffo nel passato riportano all’epoca classica Romana e delle invasioni dei Goti mentre numerosi angoli nel centro storico diventano una passeggiata attraverso il tempo della dominazione di Longobardi e Bizantini.

Normanni, poi Svevi, la storia della Monopoli medioevale è raccontata dalla Cattedrale Romanica con la sua cripta e dalle poderose mura che cingevano a difesa la città insieme al Castello Carlo V, sovrapposto ad una grande porta romana del I sec a.C.

Veneziani, Spagnoli, Turchi, furono numerosi i popoli che regnarono la città e impreziosirono Monopoli con quell’equilibrata amalgama in cui, dal mare alle campagne, è possibile perdersi in secoli di cultura, usanze e tradizioni sopravvissute al tempo e agli invasori.

Clima

Tipicamente mediterraneo, il clima della città si presenta caldo e secco durante l’estate e la presenza del mare mitiga le escursioni termiche rendo gli inverni miti e umidi.

Le limpide acque su cui la città è dolcemente affacciata, permettono di rinfrescarsi piacevolmente dalle torride correnti del Nord Africa che rendono le giornate estive afose, mentre a queste spesso si contrappongono i venti di Maestrale che regalano il fascino di mari tempestosi e clima più fresco.

Gli inverni sul mare si presentano piovosi quando caratterizzati dal vento umido di Levante mentre gli agri delle contrade, non di rado, si spolverano di neve quando investite dai freddi venti provenienti dai Balcani.

Informazioni

Distanza da Alberobello: 27 Km
Mare: Si

Consigliato per

Centro storico
Spiagge
Ristoranti
Mare