Curiosità

Alberobello, il paese che ha ispirato un cartone Disney

Tutto ebbe inizio con un libro illustrato, un'idea di due sorelle leccesi, Maria Elena e Fiorella Congedo che, attraverso la casa editrice di famiglia, hanno portato alla luce le prime avventure di piccoli bambini-trulli. Le storie hanno luogo nel magico mondo di Trullolandia, un villaggio con delle case dall'aspetto curioso, all'ombra di un uliveto secolare.

Non è facile per un progetto locale diventare un successo a livello internazionale. Le ideatrici sono riuscite a portare la loro idea ad essere realizzata dalla The Walt Disney Company EMEA. La produzione della serie è durata circa 3 anni ed è stata sostenuto dai partner stranieri: Fandango TV, Congedo CulturArte, Gaumont Animation, Rai Fiction ed altri.

Trullolandia Il Villaggio di Trullolandia è un chiaro riferimento ad Alberobello, in Puglia

Oggi “Trulli Tales” è una serie animata di grande successo, con ben 52 episodi tradotti in 25 lingue. La serie ha debuttato su Gloobinho, in Brasile ad ottobre 2017. In seguito è stata trasmessa su Disney Junior e Rai Yoyo in Italia. Con licenze vendute in 177 territori del mondo, le avventure di Trullaleri hanno seguito i bambini in Francia, Inghilterra, Africa del Sud, Singapore e nel 2019, negli Stati Uniti.

Nel mondo di “Trulli Tales” i quattro protagonisti, i piccoli trullaleri, Ring, Zip, Stella e Sun, imparano varie ricette da un antico libro di cucina magico reso vivo da Nonnatrulla. Protagonisti quindi, sono anche i cibi, prediligendo quelli dalla dieta mediteranea: verdura, frutta e legumi. Ma naturalmente non mancano anche piatti internazionali, come ad esempio, gli hamburger o i muffin, con un simpatico accenno al non esagerare. Naturalmente a Trullolandia la magia ha inizio con una goccia di olio d'oliva pugliese. Miss Frisella è la proprietaria del panificio di Trullolandia che custodisce il prezioso libro di ricette, tanto desiderato dal malvagioCopperpot con la sua civetta Athenina.

Trullalleri I quattro protagonisti della serie: i maghetti Ring, Zip, Stella e Sun

Non tutti sapranno però, che l'ambientazione di “Trulli Tales” esiste davvero ed è un voluto riferimento alla terra di orgine delle due sorelle ideatrici dei personaggi. La città di Alberobello infatti, è famosa per i suoi trulli, le abitazioni con il tetto a cono, Patrimonio dell'Umanità UNESCO e scenografia del simpatico villaggio di Trullolandia.

Trullo Sovrano Trullo Sovrano, il buon Re di Trullilandia, nella realtà è uno dei monumenti più visitati di Alberobello

La presentazione nazionale alla stampa di "Trulli Tales" è avvenuta proprio ad Alberobello, capitale dei Trulli. Citando Maria Elena Congedo: "Sarà bellissimo, quando i bambini scopriranno che Trullolandia esiste davvero e si trova in Puglia, terra di cui vogliamo esportare l'essenza, la bellezza e la sua semplicità".

Sorelle Congedo Le ideatrici di Trulli Tales, Maria Elena e Fiorella Congedo, alla presentazione nazionale del cartone animato

Della città pugliese il cartone animato ricalca il paesaggio, fatto di trulli e di ulivi secolari, l'amore per la buona cucina e di legami familiari. Una delle maggiore sfide, ma anche conquiste, è stata proprio rendere universale per i bambini-spettatori di tutto il mondo i valori tipici pugliesi, tra quali l'importanza dei nonni e la cultura della cucina, che fa parte della DNA mediterraneo.

..."Ci auguriamo che i bambini capiscano che cucinare è bello - prosegue Congedo - e che lo facciano con la loro famiglia proprio come è accaduto a noi qui in Puglia dove cucinare significa anche prendersi cura dell'altro".

Cosa aggiungere? Non resta che immergervi dal vivo ad Alberobello, il posto reale più Disney che c'è.